Questo sito utilizza i cookie per migliorare la navigazione e per motivi di analisi le visite vengono conteggiate attraverso Google Analitycs se chiudi sei consapevole che i dati di navigazione verranno usati per solo scopi interni del sito. Per maggiori info

Stampa

Forte Belvedere Gschwent, la fortezza austro-ungarica di Lavarone, è oggi una delle testimonianze più significative della Prima guerra mondiale sul territorio italiano. Realizzato dal Genio militare asburgico nel triennio 1909-12, il forte ebbe il compito di arrestare l’avanzata delle truppe italiane dirette verso Trento in un settore del fronte particolarmente delicato.

Su questo altipiano, infatti, si scatenò una delle più cruente battaglie della guerra e Forte Belvedere, sebbene sottoposto ai pesanti attacchi dell’artiglieria nemica, seppe resistere e svolse pienamente la sua funzione anche sotto i micidiali bombardamenti dei mortai da 305 mm.

Questa pubblicazione, ricca di informazioni e di materiali fino ad ora inediti, si propone di spiegare la storia e gli aspetti tecnici di Forte Belvedere, per far comprendere le particolarità di una delle rare fortezze di moderna concezione ad essere giunte integre fino ai giorni nostri. Il volume riporta anche le vicende del primo anno di guerra attraverso le cronache giornaliere del comandante del Forte ed è corredato da disegni esplicativi e da una ricca documentazione fotografica.

Di Mario Pucher. A cura di Giuseppe Leonardi e Christian Prezzi

aprile 2006 pag. 128, formato 15x21 cm. ISBN 88-89898-14-3